Top

YOGA

Il significato della parola YOGA è unione,  dunque YOGA è ciò che unisce, l’uomo formato da corpo mente e anima,  vive oggi,  più che mai, la separazione tra queste tre componenti, YOGA è l’unione ed è anche la via per realizzarla.
Con la pratica dello  YOGA è possibile soddisfare i tre bisogni fondamentali dell’uomo:
Il bisogno fisico, la salute,
quello psicologico, la conoscenza,
il bisogno spirituale, la pace interiore,
quando queste tre condizioni coesistono c’è l’armonia nella persona.

La pratica  passa attraverso una serie di posizioni del corpo, asana, che lavorano sul piano fisico, con effetti benefici sulla colonna e sulla postura, così che muscoli e tendini acquistino elasticità.
Le asana, influenzano e regolano anche la funzione degli organi e dei sistemi: il vascolare, l’endocrino con le ghiandole annesse, il nervoso, il digerente e tutti gli altri, il corpo così,  nel suo insieme si rinforza,  creando una condizione di benessere. Dal punto di vista psicologico, la pratica acuisce l’intelletto, aiuta la concentrazione, stabilizza la sfera emotiva, stimola l’interesse e l’attenzione per gli altri, attraverso la respirazione la mente si calma, nell’ambito spirituale la pratica porta consapevolezza e calma e con la meditazione si sperimenta la pace interiore.

La pratica, coinvolgendo corpo mente e anima, permette l’evoluzione dell’individuo, che sviluppa autodisciplina e consapevolezza di sé.
Tutti, indipendentemente dall’età, dalla salute, dalle condizioni di vita, dalle scelte religiose o politiche  possono praticare YOGA.

Sulle tecniche dello Yoga si trovano riferimenti nelle UPANISHAD, antichi insegnamenti in lingua sanscrita tramandati oralmente di cui si trova traccia scritta intorno al IX–VIII secolo A.C., in seguito  lo Yoga diviene un sistema vero e proprio con i SUTRA di PATANGJALI, scritti non ben datati (alcuni autori li fanno risalire ai primi secoli A.C. ed altri ai primi secoli D.C.).

Tra le diverse forme, di pratica YOGA, l’HATHA YOGA è forse il più conosciuto nel mondo contemporaneo. Il significato di  HATHA  è:  HA  sole,  parte maschile,  destra,  positiva,  diurna, esteriore,  corpo,  ciò che è visibile,  parte anteriore del corpo,  energia positiva,la metà sinistra razionale del cervello e THA luna, parte femminile, sinistra, negativa, notturna, interiore, mente, ciò che è invisibile, la parte posteriore del corpo, la metà destra istintiva e intuitiva del cervello.

Scopo dell’ HATHA YOGA è dunque, purificare, riunire e riequilibrare questi opposti polari attraverso: asana, pranayama tecniche legate al respiro, si controlla e si espande l’energia vitale, mudra gesti che hanno influenza sulla sfera emozionale, bandha chiusure che favoriscono il flusso dell’energia vitale o prana, shatkarma tecniche di purificazione.

La  pratica YOGA è stata tramandata attraverso l’insegnamento di maestri, alcuni, di grande personalità, che hanno fortemente caratterizzato lo stile della pratica, creando dei percorsi precisi che hanno dato luogo a scuole o metodi con marchi registrati.

 


ASHTANGA VINYASA YOGA creato dal M° K. PATTABHI JOIS (1915 – 2009)
IYENGAR YOGA creato dal M° B.K.S. IYENGAR (1918 – 2014)
SATYANANDA o BIHAR YOGA creato dal M° SATYANANDA PARAMAHANSA SARASWATI (1923 – 1988)


Per ulteriori informazioni sui diversi metodi vai alla pagina dedicata.
Per informazioni sui percorsi di approfondimento vai a stages.

YOGA METODO ASHTANGAYOGA METODO HATHA YOGAYOGA METODO IYENGARYOGA METODO SATYANANDA